martedì 19 marzo 2019

Eni, il piano per investire 33 miliardi. Ai soci più cedole e riacquisto di azioni

Il nuovo piano 2019-2022 dell’Eni ha un cuore verde. L’abbattimento delle emissioni di anidride carbonica diventa una priorità strategica del gruppo, che non perde di vista la creazione di valore. Certo, proseguirà lo sviluppo nell’esplorazione e produzione di idrocarburi, raddoppierà a 2 miliardi l’utile operativo di raffinazione, trasporto e commercializzazione.



Ma accanto a ciò «cresceremo nelle rinnovabili e nei biocarburanti facendo di Eni una società più profittevole», sintetizza l’ad Claudio Descalzi che, anziché la solita Londra, sceglie la storica sede della «Metanopoli» di San Donato Milanese per presentare la nuova strategia, accanto ai laboratori dove nascono le tecnologie che accompagneranno il gruppo nell’evoluzione «green» fatta di più efficienza, energia pulita, maggior quota di gas, economia circolare. Segue: lastampa

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti,
questo è un Blog indipendente; culturalmente, finanziariamente e politicamente.