giovedì 13 aprile 2017

FTSE MIB Index (Italy) - 07/04/2017

FTSE MIB Index (Italy)
Monthly
long term:
rispetto al 2016 primo trimestre positivo all'interno della struttura laterale min 12296, max 24558, quest'ultima è la resistenza di lungo che l'Indice dovrebbe almeno testare per tentare di tornare rialzista dopo il crollo del 2008.
Weekly
short term:
ancora rialzista al close di Venerdì 07 Aprile 20300,  ha chiuso la window 21194/326, rimane in attesa di direzione.

PS
E' permessa la copia e ripubblicazione parziale di articoli e/o immagini di questo Blog solo sul web, a patto di citare la fonte e di pubblicare un link a questa pagina. Si fa vietata la riproduzione su mezzi diversi dal web (tra cui per esempio libri, riviste o trasmissioni audio-video) senza preventiva autorizzazione dell'autore, grazie.

10 commenti:

  1. Warren Buffet10/04/17, 08:27

    Buongiorno,
    sempre difficile l'indice da decifrare. Laterale nel brevissimo? Dove andrà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emile Zola10/04/17, 08:33

      Ona buongiorno,
      open e seduta, grazie.

      Elimina
    2. buongiorno,
      open intorno alla parità e seduta incerta.

      Elimina
    3. Warren,
      certo non ha tutti i torti, momento difficile senza direzione, nessuno strumento dell'AT è utile in questi casi, attendiamo un segno chiarificatore...

      Elimina
    4. Emile Zola11/04/17, 08:41

      Ona buongiorno,
      open e seduta, grazie.

      Elimina
    5. buongiorno,
      open rosso e seduta incerta.

      Elimina
    6. Emile Zola12/04/17, 08:27

      Ona buongiorno,
      open e seduta, grazie.

      Elimina
    7. buongiorno,
      open verde e seduta moderatamente rialzista.

      Elimina
    8. Emile Zola13/04/17, 08:33

      Ona buongiorno,
      open e seduta, grazie.

      Elimina
    9. buongiorno,
      open intorno alla parità e seduta incerta.

      Elimina

Benvenuti,
questo è un Blog indipendente; culturalmente, finanziariamente e politicamente.
Pubblichiamo tesi di parti opposte e in conflitto tra loro per fare uscire il pubblico dal tedio della stampa omogeneizzata, dipendente e di parte.