mercoledì 29 marzo 2017

Popolare Vicenza, maxi-perdita da 1,9 miliardi

Milano - In un clima che resta teso, nella complessità di una situazione appesa ai responsi delle autorità europee e alla capacità politica del governo italiano di riuscire a far presa presso le istituzioni Ue, la Banca Popolare di Vicenza, dopo un lungo cda, ha licenziato ieri il bilancio 2016. Un bilancio in rosso per 1,9 miliardi di euro (erano 1,4 nel 2015), su cui ha influito «l’evoluzione del credito deteriorato e dell’ulteriore innalzamento dei livelli di copertura», fa sapere la banca attraverso una nota, ovvero una profonda pulizia che si traduce in 1,72 miliardi di svalutazioni (1,077 miliardi di rettifiche su crediti, a cui si aggiungono 367 milioni di svalutazioni su partecipazioni e 291 milioni di accantonamenti per i rischi legali e il pagamento delle azioni apportate all’offerta di transazione). Segue: ilsole24ore

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti,
questo è un Blog indipendente; culturalmente, finanziariamente e politicamente.
Pubblichiamo tesi di parti opposte e in conflitto tra loro per fare uscire il pubblico dal tedio della stampa omogeneizzata, dipendente e di parte.